Incanto – Tiziano Ferro

1603

 

testo

Come quando io ti ho visto per la prima volta

Tra milioni di occhi la vita si nascose

Come fissare il sole in una notte

Far sparire tutti gli altri in un secondo come niente

 

Dopo un lungo inverno accettammo l'amore

Che meritiamo di pensare o pensiamo di meritare

Per questo a volte ci facciamo così male

 

Desidero sapere dove va a finire il sole

Se il freddo delle parole gela lo stupore

Se non ti so scaldare né curare dal rumore

Ho soltanto una vita e la vorrei dividere

Con te che anche nel difetto e nell'imperfezione

Sei soltanto… incanto, incanto.

 

Istantanee di secondi lunghi quanto un anno bisestile

Quando posi la tua testa su di me

Il dolore tace… incanto, incanto.

Semplicemente incanto.

 

E se sono insicurezze, entusiasmi e poi silenzi

Il mestiere dell'amore al tramonto nei tuoi occhi

Il coraggio in una frase che fa paura

Il rancore nelle storie maturato nel silenzio

Il sorriso che sconvolge mesi di tormenti

La bellezza che stringo, io geloso del tuo cuore

Che proteggerò dal male

 

Desidero sapere dove va a finire il sole

Se il freddo delle parole gela lo stupore

Se non ti so scaldare né curare dal rumore

Ho soltanto una vita e la vorrei rivivere così

Incanto… è un incanto.

 

Istantanee di secondi lunghi quanto un anno bisestile

Quando posi la tua testa su di me

Il dolore tace… incanto, incanto.

Semplicemente incanto.

 

Na na na, na na na…

 

Il sorriso dei giganti sulla tua bocca sta in un angolo

Ed è puro… incanto

Intanto scatto.

 

Istantanee di secondi lunghi quanto un anno bisestile

Quando posi la tua testa su di me

Il dolore tace… incanto, incanto.

Semplicemente incanto.